Che cos’è veramente il San Pedro / Wachuma, Il Sacro Cactus degli Inka ?

Categorie: Insegnamenti Andini | Autore: Lorenzo

San Pedro o, chiamato dall’antichità, in lingua nativa, Wachuma. Da oltre 20 anni la nostra Maestra Huachumera Lesley Myburgh si occupa di questa sacra pianta e con la Compagnia di Viaggi Mistici da molti anni stiamo studiando tutto quello che c’è da sapere e cosa evitare. In questo articolo troverai un’ampia e approfondita conoscenza che deriva sia da Lesley, sia dal più importante libero ricercatore italiano, specializzato sulle piante psicoattive, Giorgio Samorini.

Prenditi tutto il tempo necessario per studiare questo articolo.

Archeologia del San Pedro (dagli Scritti di Samorini)

Il San Pedro, detto Wachuma o Huachuma nella lingua Quechua, è un cactus che può raggiungere l’altezza di alcuni metri, con delle potenti proprietà enteogene; da tempo utilizzato dalle popolazioni che vivono sulle Ande. Dagli studi archeologici si dimostra che la connessione di questa pianta con l’essere umano, è antica di oltre 10.000 anni.

Se vuoi puoi trovare l’articolo completo di Giorgio Samorini cliccando qui. Se inizi a leggerlo, Dopo aver finito, torna di quà. Armati di un po’ di pazienza, perchè qui vogliamo realmente raccontarti tutto.

L’utilizzo tradizionale (dagli Scritti di Samorini)

L’utilizzo tradizionale del San Pedro si estende dalle Ande del Perù settentrionale sino a raggiungere la regione di Cuzco dove la nostra compagnia ha la sua base. Questa tradizione arriva anche all’Ecuador meridionale. Le ricerche archeologiche hanno mostrato il suo utilizzo anche da popolazioni pre-incaiche del Perù. (prima di continuare con le conoscenze della nostra maestra Lesley, cliccando qui puoi approfondire l’articolo di Samorini, sull’utilizzo tradizionale)

I Doni del San Pedro per l’Essere Umano (dagli Scritti di Lesley Muburgh)

In molti bevono questa sacra medicina per uso terapeutico per guarire a livello emozionale, ma è usata anche per curare malattie del fisico.

Il San Pedro ci riconnette con noi stessi e con la Madre Terra. La pianta è una Maestra o  una Guida, un grande dono. Aiuta a guarire, a comprendere, a progredire a e risvegliarsi e può facilitare l’accesso a stati di coscienza superiori.

Per approcciarsi a questa medicina è importante una profonda preparazione spirituale, mentale e fisica. Ogni persona che si trova nel proprio cammino spirituale, può iniziare prima ad informarsi e poi ad intraprendere un cammino di conoscenza, che la porterà ad incontrare il proprio maestro o maestra, i quali le apriranno la porta di accesso a queste conoscenze.

Se sei aperta/o, la pianta può mostrarti dove si è accumulata la sofferenza nel tuo corpo, da che avvenimenti è stata causata, cosa vuol dirti e cosa vuole farti imparare. Capito ciò, di solito la sofferenza scompare e ci si sente leggere e purificati. Finalmente potrai ripensare a ciò che ti ha causato dolore con sollievo, o per lo meno con gratitudine per l’insegnamento che ti ha dato. Se vorrai, la Pianta ti farà vedere che nessuna esperienza è negativa se siamo capaci di apprendere da essa.

Allo stesso modo il San Pedro può aiutarci a riconoscere schemi di pensiero controproducenti e farci vedere come molte malattie dipendano dalla psiche e non dal caso o dalla sfortuna. Diventa più facile riconoscere il dialogo interiore ansiogeno e cambiarlo: prendendosi cura in questo modo della mente, spesso si può aiutare anche il corpo a guarire.

La Pianta acuisce un senso di comunione con l’universo, serve a sentirsi in sintonia con la Terra, un tutt’uno con gli elementi naturali e con gli altri esseri umani. Anche per chi crede già che tutto sia interconnesso, sperimentarlo con tanta forza è uno dei regali più belli che si possano ricevere.

Per molti si tratta di una cura che accresce la comprensione e l’empatia ed insegna ad amare, rispettare ed onorare ogni cosa. Il San Pedro serve a vedere come tutti siamo preziosi e speciali e a riconoscere ed onorare il divino dentro di sé.

Anche il suo nome post-ispanico, San Pedro, incarna queste qualità perché San Pietro è il detentore delle chiavi del cielo e il nome del cactus parla quindi della sua capacità di “aprire le porte” in un altro mondo dove chi lo beve può guarire, scoprire la propria divinità interiore e trovare il proprio scopo sulla Terra. Gli spagnoli nominarono questa pianta così perché dopo averla provata su di loro: si resero conto che gli avevano aperto realmente le porte del paradiso.

Come abbiamo detto all’inizio è anche noto come huachuma ed è così che viene spesso indicato dagli sciamani che lo usano, che si definiscono huachumeros (maschio) o huachumeras (femmina, come la nostra maestra Lesley). Il suo uso come sacramento e nei rituali di guarigione è antico quanto la storia stessa. Le prime testimonianze archeologiche finora scoperte sono una scultura in pietra di un huachumero rinvenuto nel tempio Jaguar di Chavín de Huantar, nel nord del Perù. Tessuti della stessa regione e periodo storico descrivono il cactus con giaguari e colibrì, due dei suoi spiriti custodi e con spirali stilizzate che rappresentano l’esperienza visionaria.

Un’altra immagine, raffigurante una donna dalla faccia di gufo che regge un cactus, proviene da un vaso di ceramica della cultura Chimú, risalente al 1200 d.C. Secondo le credenze native, il gufo è uno spirito tutelare e custode di erboristi e sciamani, quindi la donna raffigurata è molto probabilmente una curandera (guaritrice) e huachumera.

Nella Cosmovisione andina, la CHAKANA, che rappresenta la costellazione della croce del Sud comprende in sé i tre livelli di vita del Cosmo: il mondo sotterraneo, legato alle emozioni, all’inconscio, e ai morti, legato al passato, questo mondo materiale, dove viviamo e lavoriamo, legato al presente e il mondo superiore delle divinità, connesso al futuro.

I tre livelli sono rappresentati da tre animali, rispettivamente il serpente, il puma e il condor. Questa pianta è considerata, secondo la cosmovisione andina, la medicina del regno del Puma, cioè del presente e della Madre Terra, dove vive l’essere umano.

L’etnobotanico, Richard Evans Schultes, scrisse di San Pedro nel libro Piante degli dei che “è sempre in sintonia con i poteri degli animali e degli esseri che hanno poteri soprannaturali … I partecipanti [alle cerimonie] sono” liberati dalla materia “e impegnarsi in volo attraverso regioni cosmiche … trasportate attraverso il tempo e la distanza in modo rapido e sicuro ”. Cita uno sciamano andino che descrive alcuni degli effetti della pianta: “In primo luogo, uno stato da sogno … poi grandi visioni, una radura di tutte le facoltà … e poi il distacco, un tipo di forza visiva comprendente il sesto senso, il telepatico stato di trasmissione di se stessi attraverso il tempo e la materia, come una rimozione di pensieri a una dimensione lontana ”.

“San Pedro ci insegna a vivere in equilibrio e armonia; ci insegna compassione e comprensione; e ci mostra come amare, rispettare e onorare tutte le cose. Ci mostra anche che siamo figli della luce – preziosi e speciali – e di vedere quella luce dentro di noi.

L’esperienza di ogni persona sarà unica, poiché siamo tutti unici, e bere San Pedro è quindi un viaggio personale alla scoperta di sé e dell’universo. C’è una cosa in comune però: il giorno in cui incontri San Pedro è uno che non dimenticherai mai – un giorno pieno di luce e amore, che può cambiare la tua vita per sempre … e sempre in meglio ”.

Come si prepara tradizionalmente il San Pedro?

La maggior parte degli sciamani sbuccia e taglia il cactus, prendendo solo la parte verde esterna, quindi lo fa bollire per più di 20 ore.

Ci sono alcune altre cose da considerare quando si prepara San Pedro. I cactus che hanno sette o nove “spine” producono i fiori più delicati e belli. Quelli con sei o otto spine non sono così forti, mentre undici e tredici possono essere molto intensi ma a volte anche non buoni per l’assunzione. 

Quelli con quattro spine sono sempre usati solo per gli esorcismi, e il paziente e il guaritore devono entrambi bere

Mentre il cactus sta cucinando spesso si cantano canzoni o offerte alle nostre preghiere questo produrrà buone guarigioni. Ogni volta che lo si mescola, si offre una nuova preghiera.

A volte lo spirito di San Pedro si manifesta anche quando lo si prepara, come dei messaggi sulla superficie dell’acqua che ci dicono chi verrà a berlo e perché.  In questo modo San Pedro può mostrarci di cosa hanno bisogno le persone prima ancora di arrivare, per questo ci mostra i nostri pensieri, positivi o negativi.

Come le nostre credenze possono influenzarci?

Nelle Ande, gli sciamani parlano di “buone” e “cattive idee” e questi sono, in un certo senso, ciò che intendo per forme di pensiero. Quando qualcuno dice, ad esempio, che hai “buone idee”, non significa che sei un genio creativo! Significano che hai pensieri buoni o spirituali o che sei tutt’uno con la verità e la bontà del mondo. 

A volte parlano anche di un “buon” o “cattivo vento”. Questi “venti” sono un accumulo di pensieri o energie che sono attratti l’uno dall’altro e condividono un’affinità comune. Le buone energie di molte persone che hanno pensieri positivi ed edificanti possono creare un buon vento ma, allo stesso modo, i pensieri negativi possono unirsi per creare un vento cattivo. In entrambi i casi, sono una forza senziente che circola nel mondo. Pensieri come questi hanno realmente effetti fisici

Ma immagina: se i pensieri vaganti possono fare così tanto danno, quanto più forti sono le nostre idee? Le nostre convinzioni su noi stessi, le nostre malattie e i nostri poteri o debolezze non sono casuali, dopo tutto; sono personali per noi e potrebbero essere stati con noi per anni. Quindi è letteralmente vero che i nostri pensieri possono ucciderci o curarci. Dobbiamo quindi stare attenti a come e cosa pensiamo. San Pedro ci aiuta e ci guarisce mostrandoci come farlo.

Che tipo di dieta è necessaria prima di utilizzare il San Pedro? 

Tutte le piante medicinali richiedono alcune precauzioni rituali prima e durante la cerimonia. Questo è ciò che chiamiamo dieta. Si riferisce non solo alle restrizioni su cibi e bevande, come potrebbe suggerire il nome, ma anche ad altri comportamenti, quindi ci avviciniamo alla pianta con un intento puro. Quindi quando parliamo di “dieta”, è molto più simile all’antica comprensione greca della “dieta”: un cambiamento nello stile di vita, non solo in ciò che mangiamo.

Dal punto di vista del cibo, per un giorno prima che sia bevuto, cibo e bevande dovrebbero essere il più insipido possibile e non contenere alcol, carne, oli o grassi, spezie, agrumi o succhi di frutta e non dovrebbe esserci sesso. Per circa dodici ore prima della cerimonia, non dovrebbe esserci cibo. Ciò significa un giorno di digiuno se stai bevendo San Pedro di notte o senza cibo dalle 20:00 della sera prima se lo bevi il giorno successivo. Per alcune ore prima del rituale suggerisco anche un periodo di calma riflessione in modo da poter pensare a ciò che vorresti guarire o conoscere di te stessa/o.

Questo è davvero tutto ciò che la dieta richiede, anche se ci sono alcune condizioni specifiche in cui si consiglia una consultazione con lo sciamano e il medico prima di bere San Pedro. Questi includono problemi al colon, ipertensione, malattie cardiache, diabete o malattie mentali. Nessuno di questi ti impedirà necessariamente di bere poiché la condizione stessa potrebbe essere la cosa che vuoi che San Pedro curi, ma è importante che lo sciamano e il medico ne siano a conoscenza.

Una regola generale nel lavoro con le piante è: più puro è il corpo e lo spirito, più potente è la medicina e i suoi insegnamenti. La dieta aiuta in questo.

Il testo sopra è stato tradotto, da un’intervista a Lesley Myburgh. Se sai l’inglese e vuoi approfondire l’argomento, puoi visionare il video che Lesley Myburgh ci ha preparato (se non sai l’inglese puoi impostare i sottotitoli da youtube).

Cosa evitare e come continuare ad informarti? 

Dalla nostra esperienza decennale è bene evitare tutti quelli che si professano sciamani, sia persone ed organizzazioni che non fanno parte di un reale lignaggio o un lavoro approfondito con queste piante da meno di 10 anni. Questo è il nostro “metro di giudizio” e fino ad ora ha sempre funzionato. 

Inoltre se cerchi in rete, guarda bene che la notizia arrivi da fonti certificate, è importante che siano citate le fonti. Noi normalmente evitiamo tutti quelli che hanno iniziato i lavori con queste piante di recente, perchè sono tutte persone che, vista la stragrande apertura di queste conoscenze in questi anni, hanno iniziato a parlarne e proporre anche queste attività solo con scopi lucrativi. 

Noi guardiamo aldilà dell’apparenza perchè vogliamo scoprire la reale intenzione che c’è dietro chi condivide queste conoscenze. 

Linkedin

Instagram

Iscriviti alla Newsletter

Lorenzo Olivieri

Esploratore di culti ancestrali e tradizioni mistiche di antichi popoli, sperimenta su se stesso le conoscenze che scopre e diffonde, in unione tra corpo, mente e spirito. Organizza viaggi mistici insieme al suo amico e collega Jacopo Tabanelli, con cui ha scoperto il Mito dell’Orgasmic Way of Living fondando la compagnia di viaggi mistici CHAKRUNA. Dal 2015 insieme a Jacopo ha accompagnato più di 100 esploratori in viaggio mistico in quello che loro chiamano Peru Visionario.  Vive sulle Ande Peruviane tutti gli inverni, per curare da vicino le attività brocratiche della Compagnia, del CHAKRUNA TEMPORARY LODGE in Peru nella Valle Sacra e del SOS AMAZôNIA Benefit Festival. E’ insegnante dello Yoga dei 7 Riti Tibetani, e condivide questa disciplina in tutto il mondo. Inoltre dal 2016 è Insegnante certificato del contatto con i maestri invisibili (spiriti guida) dalla metodologia di Igor Sibaldi.  

Seguimi anche dai social network!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

EnglishItalianPortugueseSpanish

Candidati ora per Vivere il Capodanno 2020 in Viaggio Mistico nel Perù Visionario, tra le Ande e il Titicaca!

Rispetto la tua privacy. Potrai rimuoverti con un solo click