fbpx

Questa è la terza parte della storia della Cittadella Inca 10 volte più grande di Machu Picchu. Proseguiamo il racconto della nostra guida andina William. Eravamo arrivati fino allo sbarco degli Inca dall’altre parte dell’oceano, nella Polinesia. Cosa accadde dopo? E come è potuto accadere questo? Continuando a leggere lo scoprirai.

Nel frattempo ci teniamo a mostrarti uno dei doni più profondi che ci è arrivato proprio all’uscita della cittadella di Choquequirao. Mentre stavamo uscendo dalle mura dell’antica città, alziamo gli occhi e arriva un Condor, sopra di noi. Quando si manifesta uno di questi maestosi uccelli a visitare i pellegrini, è simbolo di forte connessione spirituale ed è una benedizione che gli Spiriti del luogo donano a chi è entrato a visitarli. Questa volta il dono è stato doppio, perchè dopo il primo condor che è arrivato sopra le nostre teste,  ne è arrivato un altro che abbiamo avuto tempo di filmare, eccolo in questo video: 

la possibile rotta del viaggio dell’Inca Túpac Yupanqui verso la Polinesia – dal sito del Machu Picchu

L’esploratore, Thor Heyerdahl nel suo navigare dal Sud America, si ferma con il suo percorso a vivere vicino l’Australia, e dimostra alla scienza europea che sia gli Inca sia i Vikinghi, utilizzavano le correnti dell’Oceano come “autostrade” per navigare nel Mondo e si connettevano con popoli differenti.

La scienza in quegli anni ’50, nega questa teoria, asserendo che quella dell’investigatore sia stata pura fortuna: l’esperimento dell’investigatore non viene accettato dalla scienza.

Cosi Thor frustrato di questo non riconoscimento 3 anni dopo decise di fare la seconda parte della spedizione: dall’Isola della Polinesia riparte e l’Oceano lo porta fino all’Isola di Pasqua e Santiago del Cile e così fa il giro completo dell’Oceano Pacifico, solamente seguendo la corrente marina, come secondo la tradizione aveva fatto Tupac Yupanqui in passato prima di tornare a Cusco.

Alla fine il professore Thor Heyerdahl prova la veridicità delle imprese dell’Inca Tupac Yupanqui. 

L’esploratore Thor Heyerdahl con la sua imbarcazione nel 1947.

Lo stesso Re Tupac Yupanqui è considerato un pioniere Inca della navigazione e dell’estensione dell’impero in Polinesia, superando tutti i limiti del Sud America.

Tupac Yupanqui

Per realizzare questo tipo di spedizioni, si ha bisogno di molto cibo per permettere la vita dei naviganti lungo le correnti marine, ed è qui che entrano in gioco la Cittadella di Choquequirao e il Palazzo di Chinchero, che venivano utilizzati per produrre cibo a livello massivo per i naviganti.

A Chinchero ad agosto la temperatura della notte si abbassa a meno 15 gradi celsius. Questo freddo viene utilizzato dagli Andini per disidratare le patate, e creare il Cuño e la Moraya, e con le salineras, fabbricavano il sale necessario per conservare i cibi. Queste cose erano create in maniera massiva, per fare in modo che Tupac Yupanqui e la sua flotta di naviganti, potessero sopravvivere senza sapere realmente dove andare, mossi dalle correnti dell’Oceano.

Tornando alle possibilità strategiche di un Re, come faceva Tupac Yupanqui ad avere una visione di questo tipo?

Solo le piante medicinali andine potevano dare a lui questa visione. Pochi esseri umani che vengono chiamati Illuminati, vedono cose nella vita aldilà della realtà, molto pochi. Questo Re era connesso con le piante enteogene e poteva ricevere messaggi più in là di quello che alcuni possono intendere razionalmente, come il fatto di costruire Choquiquerao, Chinchero, Machu Picchu e anche convincere altri suoi naviganti di questa impresa.

Facciamo un esempio, se qualcuno ora ti dicesse:

“Ti pago alcuni milioni di dollari, se vieni con me a investigare un pianeta nello spazio”, tu andresti senza sapere se potrai tornare o no?

Non è una questione di denaro, è questione di credere in qualcosa, le tue idee sono gratis, e se credi alle tue idee, tutto è possibile. Ma la cosa più importante che conta più di tutti è: “Da dove arrivano le tue idee?”. Se una persona Illuminata ha una vibrazione legata ad un’idea Visionaria, e se tu sei così Visionario da vibrare come lui, tu andrai…

Io credo che quando Tupac Yupanqui ha condiviso questa sua idea ad altre persone che lo hanno accompagnato, vibravano insieme all’Unisono perché se no in questa barca si sarebbero uccisi. Thor Heyerdahl ci ha messo 3 mesi a provare questa spedizione nel 1951, mentre Tupac Yupanqui non si sa quanto tempo ci ha messo.

Per noi questo Re è stato quello più ispirante che ci invita a sognare e a superare i nostri limiti, oltre l’immaginazione di qualunque altro essere umano. 

Choquequirao parla di questo Re e ci permette di meditare su come possiamo creare un nuovo Mondo in Armonia con la Natura e con le altre persone intorno a noi, anche in questo periodo attuale molto caotico.

Questo luogo ci ricorda che è possibile per l’Essere Umano raggiungere un alto grado di armonia sia con gli altri esseri umani, sia con la natura.

Casa Sacerdotal a Choquequirao dove venivano celebrate le cerimonie con le piante sacre

Non si sa se gli Inca siano stati in contatto con popoli al di fuori di questo pianeta, se così è stato sicuramente hanno lasciato agli esseri umani le piante enteogene, ma è sempre responsabilità dell’essere umano il modo con cui utilizzarle e il modo con cui evolvere nella vita. 

Qui a Choquequirao c’è il risultato, e a noi non manca niente per continuare il nostro cammino di Luce e Verità per la prosperità di tutti, salvando le persone dall’Oscurità, dalla Paura, dalla Carenza. Il Mondo è pieno di Abbondanza, ma perché sembra che solo in pochi ce l’hanno per davvero?

In realtà, tutti abbiamo questa abbondanza da condividere con i nostri fratelli, per esempio, questo tipo di pellegrinaggio che faccio come guida, io gli ho dato uno scopo superiore, di creare questa unità, e quando facciamo le cerimonie con le piante, si condivide molto di questa visione ancestrale e spirituale con le persone che partecipano. 

Ci vediamo al prossimo Viaggio Mistico nel Perù Visionario.

Hai letto anche la prima e seconda parte di questo articolo, se no, clicca qui.